Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
pattoxnatalitacopertina-300x194

Ecco il patto per la natalità: ultimo appello di fronte all’orchestrina del Titanic?

Hanno fatto bene. Predisporre un «patto per la natalità» in Italia e sottoporlo in questo orribile periodo elettorale a tutte le forze politiche. Perché «il nostro Paese sta vivendo l’inverno demografico più difficile della sua storia». Lo hanno presentato al Senato Gigi De Palo, presidente del Forum delle famiglie, e i demografi Alessandro Rosina e Giancarlo Blangiardo. Gli effetti della denatalità saranno pesanti: pensioni, sanità, giusto per dire due temi. E tutti noi, ma specialmente la classe dirigente, sembriamo l’orchestrina del Titanic. Basta interventi spot, perché la famiglia è un investimento e non una spesa. In questo senso il #pattoXnatalità sembra più un appello disperato che un invito.
Ma tant’è, a maggior ragione considerando che «è molto marginale la quota di persone che dichiara di non volere figli». Il problema è il contesto, sia culturale sia materiale. E dunque? «È arrivato il momento di non guardare più alla prospettiva di parte o agli interessi elettorali – scrivono i promotori dell’iniziativa  -, è indispensabile accantonare tutte le controversie ideologiche. I bambini devono essere considerati un “bene comune” perché rappresentano il futuro di tutti noi. La politica per troppo tempo si è limitata a intervenire commentando di volta in volta gli allarmanti dati Istat senza tuttavia trasformare quelle analisi in azioni politiche».
Insomma, fatti non parole, perché «in ballo c’è il destino di una nazione». Servono programmi senza promesse assurde, ma purché ci siano interventi di sistema. Dicono dal Forum: «Su questo punto – ve lo chiediamo con forza, appellandoci al vostro senso di responsabilità – è necessaria un’unità di intenti: occorre remare tutti nella stessa direzione per invertire questa rotta. Sarebbe un segnale decisivo per ridare speranza all’Italia». Insomma, non è solo ciò che può dire Santa Romana Chiesa a dover fare decidere o dividere.  Non è questione di cattolici o non cattolici. È l’intelligenza – laica, laicissima – di voler decidere sul futuro. È chiedere troppo?
Potete scaricare il #pattoXnatalità cliccando qui.